Esperienze uniche… – John Gatti

Esperienze uniche… – John Gatti

Scrittori in riva al mare.

Erano mute usate e strausate, con tagli e buchi sui gomiti, sulle spalle e sulle ginocchia, provocati da decine e decine di entrate e uscite da spaccature e tane.

Da quei buchi, appena s’immergevano, rivoletti d’acqua s’insinuavano come sottili lame di ghiaccio e camminavano lungo la schiena andando a riempire le sacche che si formavano dove la muta non aderiva perfettamente al corpo.

La tortura durava pochi minuti, il tempo necessario al fisico per riscaldare l’acqua con cui veniva a contatto.

«Saltiamo il pezzo fino alla Madonnina.» disse Riccardo dopo aver sputato il boccaglio «Il primo tuffo lo farò io quando arriverò alla chiesa.»

I due amici acconsentirono con un cenno della mano, dopodiché cominciarono a pinneggiare regolarmente uno di fianco all’altro.

L’acqua era limpida e il fatto di non avere il fucile, il portapesci e il pallone segnasub contribuiva ad accrescere il senso di libertà trasmesso normalmente dal mondo sottomarino.

Innumerevoli castagnole sciamavano sopra le secche, aprendosi come pagine di un libro al passaggio dei ragazzi.

A un certo punto John non resistette alla tentazione: fece una capovolta al volo e con poche potenti falcate si andò a posare sopra uno scoglio piatto circondato dalla posidonia. Alcuni metri prima di raggiungere il fondo interruppe ogni movimento, proseguendo a foglia morta. Allargò le gambe e le braccia per rallentare la velocità, andando a posarsi esattamente sul punto scelto.

Dall’alto i due amici seguivano la scena.

L’atterraggio fu morbidissimo, si trovò sdraiato sopra lo scoglio, rivolto verso il mare aperto e circondato da una verde prateria sottomarina che lo nascondeva perfettamente. Davanti a lui il fondale scendeva in picchiata, offrendogli la possibilità di osservare, senza essere visto, da una posizione dominante. Era nel punto ideale per mettere in pratica la tecnica dell’”aspetto”, iniziata nel momento in cui le sue pinne sparivano sott’acqua, quando le vibrazioni provocate dalla discesa verso il fondo si erano propagate, raggiungendo la sensibile linea laterale dei pesci che si trovavano nelle vicinanze; infatti, pochi secondi dopo, i primi saraghi apparvero in lontananza, avvicinandosi a scatti, cercando di soddisfare la loro curiosità.

Improvvisamente i pesci scapparono in tutte le direzioni e per qualche istante lo scenario tornò deserto. Poi, finalmente, apparvero i musi aggressivi di quattro dentici di media taglia, seguiti da altri tre esemplari decisamente più grossi.

Era sempre uno spettacolo mozzafiato vedere quelle maestose creature, dagli splendidi colori, avanzare minacciose ma diffidenti verso una possibile preda.

Tempo scaduto.

John riuscì a prolungare l’apnea quel tanto da vedere i grossi denti, leggermente sporgenti, del pesce più vecchio del gruppo.

Soddisfatto si staccò dal fondo provocando un fuggi fuggi generale e, pinneggiando, raggiunse la superficie.

«Che sballo ragazzi! Quello più grosso sarà pesato almeno cinque chili!»

«Bravo, hai fatto un ottimo “aspetto”» approvò Riccardo

«Se avessi avuto il fucile… forse uno sarei riuscito a stenderlo.»

«Sììì, e se mio nonno avesse avuto cinque palle sarebbe stato un flipper…» lo prese in giro Maurizio.

«Cosa centra? Deficiente! L’hai visto anche tu come si sono avvicinati tranquilli, no?»

«Erano talmente tranquilli che l’ultimo del gruppo si è addormentato a metà strada.»

«Dai Mauri, non farlo arrabbiare.» intervenne Riccardo «Vicini sono arrivati vicini, bisognerebbe sapere se con il fucile puntato nella loro direzione si sarebbero comportati allo stesso modo.»

«Bene, bene, visto che in materia ve la tirate da professori, vorrà dire che ora ci sposteremo un po’ più avanti e mi farete vedere un’azione più brillante della mia.»

«Beh,»  mise le mani avanti Maurizio  «lo sai che nella teoria vi faccio un sedere così, ma per quanto riguarda la pratica sono sicuramente un po’ meno allenato…»

«Ma che risposta è? Sarebbe come dire che sei tutto fumo e niente arrosto!»

«Io invece accetto la sfida»  disse Riccardo con convinzione,  rimettendosi il boccaglio e prendendo a pinneggiare verso ponente.

«Ci scommetto che va sul dito.»

«Sul dito?»

«Sì, è una roccia a forma di pollice che si trova a dodici metri di profondità. Si affaccia da una parete che scende fino a trenta. A volte, stando sdraiati su quello scoglio, si vedono passare dei branchi di ricciole da venti e più chili e, all’alba o al tramonto, è possibile portare a distanza di tiro dei bei dentici.»

Riccardo nel frattempo aveva finito di prepararsi e quando i due amici lo raggiunsero le sue pinne erano già sparite sott’acqua.

La posizione era la stessa che aveva assunto John ma al posto delle posidonie c’era il mare aperto, il trasparente che si tramutava in azzurro per diventare blu, mano a mano che l’occhio cercava di bucarne la profondità.

Ma la sorpresa non arrivò dal blu.

A sinistra, poco sotto al dito, una nube di fango in sospensione tradì la scodata di un pesce.

Con movimenti lentissimi Riccardo si portò sul ciglio dello scoglio per capire cosa stava succedendo.

I due amici, che continuavano a osservare la scena dall’alto, lo videro sporgersi con le mani allungate verso il fondo.

Qualche secondo dopo una nuova nube si sollevò a tre o quattro metri di distanza.

Anche per Riccardo era scaduto il tempo e con qualche colpo di pinna raggiunse John e Maurizio in superficie.

«C’è la lenza madre di un palamito che passa proprio sotto la roccia e, da qualche parte poco più avanti, ci dev’essere un bel pescione con un amo che gli buca la bocca.»

«Ecco cos’era quella nuvoletta che ogni tanto compariva sulla tua sinistra.»

«Già, era la bestia che scodava quando tiravo la lenza.»

«Forza allora»  li incoraggiò Mauri  «andiamo a conoscere lo sfigato che sta soffrendo là sotto.»

«Va bon» disse John «tanto minuto più minuto meno…»

«Cioè?» domandò Riccardo.

«Volevo dire, che se il tesoro è rimasto nascosto per quarant’anni, non penso che qualcuno ce lo porterà via da sotto il naso proprio oggi.»

Riccardo, che fra i tre era quello con l’apnea più lunga, fu il primo a sparire sott’acqua, seguito a breve distanza dagli altri due.

Quando arrivarono sotto al dito videro che la lenza madre del palamito era di diametro generoso, e che i normali terminali di nailon erano stati sostituiti  da cavetti d’acciaio alle cui estremità erano legati grossi ami .

I tre ragazzi seguirono la lenza per qualche metro, fino a quando il primo cavetto sparì dentro un’ampia spaccatura.

Continuarono ad avvicinarsi con cautela, pensando di trovare una grossa murena intanata.

Il braccetto del palamito, teso come la corda di un violino, entrava nella tana sfregando contro le rocce e si perdeva nell’oscurità.

Maurizio e John si fecero da parte lasciando entrare più luce possibile, intanto Riccardo scrutava all’interno cercando di familiarizzare con spuntoni  e ombre.

Dopo qualche istante si girò verso i compagni, unì indice e pollice per comunicare che aveva visto quello che doveva vedere e cominciò la risalita in superficie.

«Che sballo!» esclamò appena le teste dei due amici uscirono dall’acqua.

«Cos’hai visto?» domandò Maurizio.

«Ragazzi…» prese tempo, cercando le parole giuste «è grossa!»

«Cos’è grossa? Una murena?»

«E’ una cernia! E peserà almeno dieci chili!»

«Uhau… e com’è messa?»

«Ha il muso rivolto verso l’ingresso e non può intanarsi meglio perché ha un amo che le buca il labbrone e s’infila dentro la bocca. Il cavetto che lo tiene è molto in forza.»

«Minchia! E ora che facciamo?»

Gli altri due si scambiarono un’occhiata, poi John disse:

«E’ inutile far finta di niente, tanto ti conosco: creatura in difficoltà? Niente paura, arriva Super-Riky a salvarla!»

«Non fare il duro, belinun! So benissimo che anche una carogna come te non riuscirebbe a sparare a bruciapelo a un essere vivente legato e incastrato.»

«Bene, adesso che abbiamo stabilito di dover salvare quella povera cerniotta, resta solo da decidere come farlo, giusto?»

«L’acciaio con il coltello non lo tagliamo di sicuro e d’altra parte lasciare l’amo penzoloni dalla bocca vorrebbe dire condannarla a morte certa.» commentò Maurizio.

«Giusto!» disse Riccardo «Bisogna liberarla per forza.»

«Mi sembra una cosa davvero impossibile.» osservò John.

«Non è detto…» sussurrò Riccardo,  lasciandoli pensierosi mentre tornava sott’acqua.

«Beh, che facciamo?»

«E che vuoi fare? Andiamo giù a guardare la magia del famoso “Mago Richard”.»

Lo trovarono fermo davanti alla spaccatura. Per non disturbare l’azione si spostarono con movimenti rallentati,  mettendosi alle due estremità. Da lì potevano osservare quello che succedeva all’interno della grotta,  senza interferire.

La mano dell’amico avanzava lentamente verso la grossa cernia che lo fissava immobile. Quando le dita arrivarono a dieci centimetri dall’animale, questo iniziò a sbattere da una parte all’altra, cercando di liberarsi dell’amo.

Riccardo rimase fermo ad aspettare che il pesce tornasse calmo, poi portò avanti la mano, fino a toccare la parte inferiore dell’enorme bocca della cernia. Rimase in quella posizione per un tempo che parve lunghissimo.

Finalmente la ritirò piano e si allontanò dall’ingresso della tana. Tutti e tre tornarono in superficie.

«Voglio provare a vedere se apre la bocca.» disse Riccardo.

«Minchia!» esclamò Maurizio «Va a finire che riesci veramente a levargli l’amo.»

I tre amici scesero e risalirono numerose altre volte, ma purtroppo sembrava che il rapporto con il pesce avesse raggiunto una posizione di stallo: la cernia non si agitava più, ma neanche apriva la bocca.

Al quinto tuffo Riccardo fermò la mano a un palmo di distanza dal pesce.

Si fissarono per alcuni secondi,  poi Riky fece uscire alcune bollicine d’aria dalla bocca e, incredibilmente, la grossa cernia si avvicinò fino a toccargli con il labbro inferiore le dita della mano. Trascorse ancora una manciata di secondi e la bocca si aprì lentamente. Sembrava di assistere a una partita di shangai: movimenti millimetrici per non far crollare tutto!

La cavità orale era veramente grande, ci poteva passare tranquillamente un pugno e Riccardo riuscì a far scivolare dentro parte della mano destra.

Nel frattempo John teneva in trazione il palamito facendo in modo che il cavetto restasse in bando.

Un movimento preciso del polso e l’amo uscì dalla bocca della cernia.

Fu un momento incredibile.

Poi, senza fretta, utilizzando le pinne laterali il pesce si spostò indietro, fino a raggiungere il fondo della tana.

I ragazzi si scambiarono un’occhiata felice e tornarono nuovamente su, alla ricerca d’aria fresca.

«Grande! Sei stato grandissimo!» esclamò entusiasta Mauri.

«L’uomo pesce amico dei pesci. Il San Riccardo D’Assisi degli abissi.» rincarò Angelo.

«Che forte! È stata un’esperienza pazzesca!» disse Riky commosso «Penso di aver comunicato telepaticamente con Fred.»

«Fred? E da quando si chiama Fred?»

«Non so… so solo che si chiama Fred.»

«Va bon, dopo quello che hai fatto con quel pesce potresti anche dirmi che ti ha fatto vedere la patente: ci crederei senza battere ciglio. Forza, vai a salutare ancora una volta il nostro amico Fred così poi  riprendiamo  la caccia  al tesoro. »

Pochi respiri profondi e, senza farselo ripetere una seconda volta, iniziò la discesa verso la tana.

«Io questa non me la perdo!»  disse Maurizio seguendo Riccardo.

A John non restò altro da fare che accodarsi ai due amici.

Lo ritrovarono davanti alla spaccatura. Il pesce era a pochi centimetri dalla sua faccia e apriva e chiudeva tranquillamente la bocca.

Maurizio e John  si fermarono sul dito di roccia, mantenendo una certa distanza per non disturbare la scena.

Riccardo avvicinò la mano alla cernia che, invece di fuggire spaventata, si avvicinò ancora di più, incoraggiando il contatto.

John e Maurizio osservavano increduli il loro amico accarezzare Fred.

Visto alla luce, fuori della tana, il pesce appariva in tutta la sua grandezza. I dieci chili stimati erano sicuramente sbagliati per difetto. Diverse cicatrici bianche sulla schiena testimoniavano anni di battaglie per la sopravvivenza, mentre una profonda incisione sul labbrone inferiore, dimostrava che non era la prima volta che si trovava a combattere con una lenza.

Ma erano gli occhi a strizzare il cuore. Due occhi grandi da vitello, fermi eppure attenti, calmi eppure espressivi. Erano gli occhi di un essere vivo che fissavano gli occhi di chi lo aveva salvato. Li fissavano con un calore diverso da quello umano,  ma il messaggio era inequivocabile.

Il tempo passava e Maurizio fu il primo a lasciare il fondo per tornare tra quelli che “contano”, tra la gente che respira, vicino a coloro che hanno dei sentimenti…

Ma era proprio così?

Angelo fu il secondo a uscire dal sogno, il secondo che poco dopo si sarebbe chiesto se quello che aveva visto era successo veramente.

Dalla superficie i due ragazzi continuarono a seguire i movimenti di Riccardo, il quale, a malincuore, dovette arrendersi alla natura: lasciò la posizione vicino al “dito” mantenendo lo sguardo fisso negli occhi della cernia. Saliva lentamente e lentamente il pesce si allontanò dall’ingresso della tana, mettendosi nella classica posizione a candela con il muso rivolto verso l’alto.

 

I tre amici si guardarono con complicità. Non c’era bisogno di parole. Non avrebbero aggiunto niente di più all’eccezionalità del momento.

Di |2019-01-24T11:29:53+01:0013 Gennaio 2019|News, Scrittori in riva al mare|2 Commenti

2 Comments

  1. Marinella Gagliardi Santi 20 Gennaio 2019 al 22:31 - Rispondi

    Il rapporto tra un essere che appartiene alla terra e uno che appartiene all’acqua ha sempre dei risvolti molto affascinanti!
    Quando i delfini hanno comunicato con me, non ho potuto controllare la mia commozione…

    • John Gatti 25 Gennaio 2019 al 11:00 - Rispondi

      Hai proprio ragione, si tratta di risvolti davvero affascinanti. A questo punto sarebbe bello leggere anche della tua esperienza ?.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.